Quando sostituire la vecchia caldaia con una nuova ad alta efficienza

Molte persone si chiedono se sia il caso o meno di sostituire la vecchia caldaia con una nuova, preferibilmente un modello ad alta efficienza come quella a condensazione. Ecco alcuni consigli per capire se è arrivata l’ora del fatidico cambio.

Bollette del gas sempre più alte

Il primo segnale che indica di cambiare la caldaia è il crescente importo delle bollette dal gas. Una caldaia che consuma un sacco no è per niente valida e conviene investire il denaro speso in bollette del gas nell’acquisto di una caldaia nuova che consumi meno e  che possa avere un migliore rendimento termico. Non ha senso avere una caldaia che funziona male e che produce costi altissimi di gestione quando basta contattare la ditta di installazione e assistenza caldaie Rinnai a Roma che può installare nel giro di pochissimo una nuova caldaia che si contraddistingue per i suoi consumi bassi.

Continui guasti e rotture

Se si è costretti a chiamare in continuazione il tecnico della manutenzione e assistenza caldaie Rinnai a Roma allora è arrivato il momento di pensare a una caldaia nuova. La vecchia caldaia può dare un problema circa l’anno, se questo dato diventa maggiore, allora meglio passare oltre. Se la caldaia spesso ha la pressione troppo basa che non fa arrivare l’acqua calda ai rubinetti e non fa scaldare i termosifoni oppure non si accende la fiamma pilota, può esser dovuto a un’età troppo avanzata.

Termini delle detrazioni fiscali

Prima che si esauriscano o che termino del tutto, sarebbe opportuno approfittare delle detrazioni fiscali del 65% per la sostituzione della vecchia caldaia con una ad alta efficienza, come quella a condensazione. Basta contattare il tecnico della installazione e assistenza caldaie Rinnai a Roma per valutare la possibilità di passare finalmente a una caldaia che consumi meno gas, con una conseguente riduzione anche della bolletta collegata. Le detrazioni fiscali cambiano di anno in anno in base alla legge finanziaria, ma la novità  che alcune provincie e comuni le hanno introdotte per aiutare anche l’ambiente.