La cheratosi è una patologia dermatologica che si presenta come delle macchie di colorazione variabile. Infatti, possono essere di colore rosso, giallo, bianco o addirittura grigio. Nel momento in cui è presente anche irritazione, provocano un certo prurito.

Quali sono le cause della cheratosi

Più che di cause, in caso di lesioni cutanee e soprattutto cheratosi, è più opportuno parlare di fattori di rischio. I principali includono l’eccessiva esposizione al sole poiché le componenti UV dei raggi solari risultano estremamente dannose per il derma. La cheratosi è legata al normale un processo di invecchiamento cutaneo. Le persone che sono affette da eczema, dermatiti e micosi cutanee, è più facile che sviluppano delle cheratosi.

Purtroppo, bisogna fare particolare attenzione alla cheratosi perché tra le cause bisogna annoverare anche dei tumori maligni della pelle. Di per sé non sono formazioni maligne, come nel caso dei condilomi, ma possono essere la spia di un problema medico più grave che merita adeguati approfondimenti.

Come diagnosticare la cheratosi

Per poter arrivare a una corretta diagnosi, occorre sottoporsi a una visita dermatologica. Nel caso di dubbi, il medico specializzato in chirurgia dermatologica a Milano sottopone la formazione cutanea sospetta ha una videomicroscopia la quale consente di ottenere immagini ingrandite nelle quali si evidenziano caratteristiche non visibili a occhio nudo. Significa quindi che la diagnosi è del tutto indolore e non invasiva. Si può anche valutare una biopsia ma di solito non è necessario ma in questo caso cambiano naturalmente i parametri rispetto al dolore e all’invasività.

Come si tratta la cheratosi

Dopo aver diagnosticato la cheratosi e riconosciuto a quale tipologia appartenga, il medico specializzato in chirurgia dermatologica a Milano provvede ad indicare il trattamento più adeguato. Solo in alcuni casi si ricorre alla asportazione chirurgica. Di solito, il trattamento della cheratosi è di tipo fisico. Le escrescenze e formazione cutanee raschiatura, laser oppure crioterapia cioè bruciando le macchie con dell’azoto liquido che le congela e le fa semplicemente cadere dal derma. È la stessa tecnica che si usa anche per altre formazioni cutanee come le verruche.

Di Editore