Al giorno d’oggi sono presenti tantissime modalità per accedere al credito. Per poter esaudire le diverse esigenze sono infatti previsti tanti prodotti finanziari dedicati a ogni genere di soggetto. Oggi vediamo nel dettaglio che cos’è e a chi è dedicata la cessione del quinto, una modalità di prestito davvero molto richiesto perché ricco di vantaggi e benefici, come si può scoprire di seguito in questa breve ma esaustiva guida.

Che cos’è la cessione del quinto

Con la cessione del quinto, si fa riferimento a un tipo di prestito attraverso il quale il contraente viene finanziato da una banca o un altro istituto creditizio. Una volta contratto. Il prestito non viene però estinto dal debitore in prima persona poiché il pagamento della rata mensile spetta al datore di lavoro che trattiene un quinto della retribuzione netta. Per avere subito ulteriori dettagli, fai click su www.cessionedelquintoroma.com

Le condizioni per richiedere la cessione del quinto

Si tratta della principale differenza tra la cessione del quinto e il classico prestito personale. Per poter richiedere la cessione del quinto per legge devono esserci particolari condizioni, a partire dalla presenza di una forma di retribuzione fissa e continuativa. La remunerazione del prestito può avvenire trattenendo al massimo un quinto della retribuzione netta. Infine, ci vuole comunque una copertura assicurativa obbligatoria.

Chi può e chi non può richiedere la cessione del quinto

Dopo aver enunciato le condizioni essenziali per richiedere questa forma di prestito, è evidente che mancando una o più di queste condizioni, non è possibile accedere al credito con tale modalità. Vale a dire che soggetti come i liberi professionisti, i lavoratori autonomi, gli imprenditori e simili non possono richiedere questo tipo di prodotto finanziario. Lo stesso vale per tutti quei dipendenti a tempo determinato a causa della scadenza contrattuale che dovranno ricercare un prodotto più adatto al loro profilo. Anche le persone che hanno sì un reddito ma che proviene da rendite immobiliari o finanziarie non riescono a soddisfare tale condizioni che non sono così restrittive come potrebbe sembrare a uni primo sguardo.

Di Editore