Tantissime volte si parla dell’operazione di addominoplastica a Roma in sé, tralasciando però quello che avviene dopo, cioè la fase post operatoria che può anch’essa essere fonte di preoccupazione per i pazienti che hanno tanti interrogativi, come quelli relativi alla ripresa del lavoro,

Come si svolge l’intervento di addominoplastica

In genere, l’intervento di addominoplastica a Roma si esegue in anestesia generale. Per tale motivo, è previsto il ricovero per almeno una notte in cui il paziente verrà tenuto in osservazione. È possibile che l’intervento venga eseguito anche in clinica. È un intervento sicuro e tra i più frequenti.

Il posto operatorio dell’addominoplastica

Il giorno dopo l’operazione di addominoplastica a Roma, il chirurgo plastico si occupa di rimuovere la medicazione compressiva eseguita. Oltre a controllare le piccole cicatrici post operatorie, pulirle e medicarle, fa indossare un panty, una particolare mutanda elastica che va portata per almeno 3 settimane. Inoltre il paziente deve indossare calze elasto-compressive e assumere dell’eparina che sono essenziali nella profilassi antitrombotica.

Di solito, per l’intervento di addominoplastica a Roma non sono previsti drenaggi aspirativi affinché il paziente possa camminare e muoversi immediatamente. Tuttavia, in caso di un intervento abbinato ad altri come la liposuzione con tecnica tumescente, potrebbe esserci un piccolo drenaggio.

L’intervento per avere un ventre piatto e tonico prevede di indossare questo prodotto contenitivo che permette al derma di settarsi secondo i nuovi profili ottenuti con il bisturi. Il giorno successivo all’operazione il paziente può fare una doccia e riprendere progressivamente le normali attività della vita quotidiana, a partire dal lavoro. Meglio avere però un po’ di pazienze in caso di attività fisica, soprattutto quelle che interessano maggiormente la zona addominale. Occorre quindi attendere almeno un mese dopo l’intervento prima di tornare in palestra.

Come assumere gli antidolorifici

In seguito all’operazione di addominoplastica a Roma, è possibile che il paziente avverta un po’ di dolore e una sensibilità alterata nella zona trattata. È possibile chiedere al chirurgo plastico di farsi prescrivere dei farmaci antidolorifici. Le indicazioni del medico in merito alle dosi e ai modi di assunzione vanno seguite con estrema osservanza.

Di Editore