Purtroppo, è vero che la maggior parte dei rapporti e dei matrimoni oggi finisce perché uno dei partner è stato infedele. L’infedeltà coniugale, infatti, è annoverata tra le principali cause di separazione e divorzio. Per conoscere lo stato di salute della tua relazione, questi sono i 5 segnali più comuni del tradimento.

Si preoccupa di più del suo aspetto

Se il tuo partner non è mai stato un maniaco dell’aspetto fisico ma ora, da un giorno all’altro, le cose sono cambiate, meglio rivolgerti a un valido investigatore privato a Frosinone. Sono tipici segnali del fatto che hai le “corna” il nuovo taglio di capelli, la fissazione per la forma fisica, l’iscrizione in palestra, l’acquisto compulsivo di nuovi vestiti. Succede perché le persone che tradiscono sono più consapevoli del loro aspetto esteriore, motivo per cui iniziano a curarlo di più.

Evita di fare grandi acquisti insieme

Se il tuo lui sembra riluttante a fare grandi progetti insieme come acquistare un elettrodomestico o addirittura una casa, probabilmente significa che non è molto convinto della relazione. Non si tratta solo di una questione economica poiché potrebbe essere anche un segnale che si sta tradendo e ha l’amante.

È sempre al telefono

Se tuo marito non si stacca un attimo dallo smartphone e ha sempre il cellulare in mano ovunque andiate, non è detto che sia solo per abitudine o noia. È vero che alcuni sono dipendenti dallo schermo ma se tale abitudine apparire all’improvviso, è il caso di farti qualche domanda in più.

Vi racconta tutto

Alcune persone, spiega un valido investigatore privato a Frosinone, tendono a pensare che un marito zitto e tranquillo sia sospetto. In realtà, è esattamente l’opposto. I bugiardi tendono a raccontare tutto e anche troppo. Un resoconto troppo dettagliato di una serata potrebbe essere una completa fandonia inventata ad hoc per coprire i suoi confronti clandestini con l’amante.

La verità, invece, è immediata e spesso senza troppi dettagli poiché vien naturale. I dettagli invece sono frutto di un piano ponderato per crearsi un alibi.

Di Editore